Between Japan and Europe – What Four Years Abroad and Almost Losing my Mum Taught Me

EN

Hello my beautiful people! How are you doing? I hope everything is fine. As you may have seen from my social media channels, I had to suddenly fly back to Europe because of my mum. She got kind of a stroke and had to undergo brain surgery. Given the fact that she is young, and I am too young to lose her, it was a shock. Luckily, she survived, and I would like to describe this life changing experience through the new mindset I gained by living abroad during the past four years.

The shock
It was a normal Tuesday, with a lot of work to do. I had the chance to check my phone only once, noticing that my parents already read my message during “their night”. Sometimes it happens, so I did not give it too much attention. Then a message: “Elena I need to call you”, I called my dad, he was crying. While he was speaking, I could not believe any of his words, but then I realized that everything was true, and I said: “Now I check a way to come home, let’s proceed in order”. I texted Jack saying, “My mum is kinda dying” and I called my boss to tell him that I probably had to work from Europe for a while. Jack came home and bought my flight ticket while I was in shock. The next days I worked in the morning and prepared myself for the trip in the evening. Luckily, everything went well, even the 14+ hours flight, and I arrived in Lugano on Friday evening. On Saturday I could already see my mum in the “Intensive Care Unit”, but she was not herself. I had to wait at least three or four days to get back a person who behaved like “my real mum”, days that seemed to last ages. My new routine became: Work in the morning, visiting mum in the afternoon, maybe see some friends in the evening. She is now in the rehabilitation clinic, quite far away from home, but it is still feasible to visit her every day. Apart from the first shock, I was surprised about how I coped with the situation, a mindset I probably gained in the last four years of living on the other side of the world.

We live in a small world
Since I moved to Japan, I have travelled back “home” in many ways: Passing through Beijing, Hong Kong, Singapore, Warsaw, Dubai, or with a direct flight to Milan or Zurich. It was horrible the first times (believe me, I am terrified by flying!) but once I learnt how to go back and forth, it became like taking a bus and my body does not even feel the jet lag anymore. Technology nowadays allows us to chat and have amazing videocalls, making us feel closer to the people we love. As a result, I think that we are far away physically, but not with our soul. I have always had an incredible connection with my mum that goes beyond kilometres and borders. A connection so strong that made me think “I need to go to Switzerland in April, but why?” during the weeks prior the accident. When everything happened, I was incredibly ready, prepared to pack my suitcase and take the very long flight (because of the war) to reach my mum.

The Shouganai concept
Living abroad, especially in such a far away and completely different country, is an extremely frightening experience at first. I was afraid even to go out for the groceries, dreading the moment when I had to speak to the cashier. This fear went away slowly by getting used to the new environment. Then, I started noticing all the good things this experience was giving me: I “opened my eyes” and saw things from different points of view; all the beliefs and routines I learnt since I was a kid actually do not matter at all, because in the new country there are other ones; I was forced to face myself, understand my soul, my family, my country, in opposition to the new one. One of the most interesting concepts I learnt in Japan is the “shouganai” one, which means “there is nothing we can do about it”, and it’s referred to the things you can’t change in life, you can’t fight against, exactly like my mum’s accident. By accepting the things happening in one’s life, one will better learn to cope with them, and instead of fighting and getting angry, one will be able to adjust their reaction and find solutions. A bad thing of this concept is that in Japan it seems to be used a lot, sometimes to push away one’s responsibilities. In that sense, I do not agree. In my case, we could not do much about my mum, apart from being there when she was going to wake up (if she was going to wake up) and this is what we did, together.

You are not rich, but you are rich
When people ask me about my life choices, a thing I say to them is that when I was 25, working in Switzerland, I was making more money than at 30 in Japan. This because Switzerland is by facts one of the most expensive countries in the world. I did not move to Japan for a promise of a good salary, to “make money”, but to become “rich” on another level: with knowledge, culture, and experience. In Japan I did not become rich, but I became incredibly rich. Together with Jack, we slowly adjusted all our priorities. Our house is almost empty, our furniture is almost all second hand, we do not buy unnecessary clothes or objects, we concentrate only on what matters. This way, we had enough money to buy our quite expensive direct flights to Zurich by Swiss, to be by my mum’s side as soon as possible (he reached me today!).

Ready and not ready
I was ready to lose my mum. But do not get me wrong. She taught me infinite amazing things and together with my dad made me an independent woman able to deal with life and the world in a good way. In the last couple of years, I made her proud of me and she could finally relax a bit. But I was not ready to lose her, because I would have missed her love, and the great relationship we built together. I was not ready for her to not become a grandma one day, or even see Mr. Fuzzy, to start with. Life is pain, but it is also full of love and amazing things, if we know where to look.

Feeling blessed
Unfortunately, and I am ashamed of it, I have never been a completely happy person. I used to be slightly pessimist when I was young. I was a sad teenager, I was “emo”, maybe because of hormones, bullyism, toxic relationships, unemployment. Since the day I changed my life by going to Japan, things got even harder, because I had the feeling that I couldn’t make it. But in the end, all the puzzle pieces got together, and this was the best thing I could have ever done in my life. Now I feel blessed every single day, even when things are not at their best. I was ready for my mum’s accident, with my remote job, my partner, my Mr. Fuzzy. If it had to happen, this was the best moment in which it could ever happen. She survived, we can be together, no matter how much time it will take her to heal.

Congratulations, you arrived at the end of this very personal article! I thank all the people who have been close to us these days. I hope you enjoyed this reading, let me know if you had a similar life experience in the comments.

Thank you so much,

Elly

Discover more about my Japanese experience: Inside Japan | Inside Japan – The Exhibition | Inside Japan – Living Tokyo! | Inside Japan – Virtual Tours!

IT

Ciao mia bella gente! Come state? Spero che vada tutto bene. Come avrete visto dai miei canali social media, sono dovuta tornare improvvisamente in Europa a causa della mia mamma. Ha avuto una specie di ictus e ha dovuto subire un’operazione al cervello. Dato che lei è giovane, e io sono troppo giovane per perderla, è stato uno shock. Per fortuna è sopravvissuta, e vorrei descrivere questa esperienza che mi ha cambiato la vita attraverso la nuova mentalità che ho acquisito vivendo all’estero negli ultimi quattro anni.

Lo shock
Era un normale martedì, con molto lavoro da fare. Ho avuto la possibilità di controllare il mio telefono solo una volta, notando che i miei genitori avevano già letto il mio messaggio durante la “loro notte”. A volte succede, quindi non gli ho dato troppa importanza. Poi un messaggio: “Elena ho bisogno di chiamarti”, ho chiamato mio padre, stava piangendo. Mentre parlava, non riuscivo a credere a nessuna delle sue parole, ma poi ho capito che era tutto vero, e ho detto: “Ora controllo un modo per tornare a casa, procediamo con ordine”. Ho mandato un messaggio a Jack dicendo: “Mia madre sta quasi morendo” e ho chiamato il mio capo per dirgli che probabilmente avrei dovuto lavorare dall’Europa per un po’. Jack è tornato a casa e ha comprato il mio biglietto aereo mentre ero sotto shock. I giorni successivi ho lavorato la mattina e mi sono preparata per il viaggio la sera. Per fortuna, tutto è andato bene, anche le oltre 14 ore di volo, e sono arrivata a Lugano il venerdì sera. Il sabato ho potuto già vedere mia mamma nel “reparto di terapia intensiva”, ma non era in sé. Ho dovuto aspettare almeno tre o quattro giorni per riavere una persona che si comportasse come “la mia vera mamma”, giorni che sembravano durare secoli. La mia nuova routine divenne: lavorare la mattina, visitare la mamma nel pomeriggio, forse vedere qualche amico la sera. Ora è nella clinica di riabilitazione, abbastanza lontana da casa, ma è ancora possibile andare a trovarla ogni giorno. A parte il primo shock, sono rimasta sorpresa da come ho affrontato la situazione, una mentalità che probabilmente ho acquisito negli ultimi quattro anni di vita dall’altra parte del mondo.

Viviamo in un piccolo mondo
Da quando mi sono trasferita in Giappone, ho viaggiato verso “casa” in molti modi: Passando per Pechino, Hong Kong, Singapore, Varsavia, Dubai, o con un volo diretto verso Milano o Zurigo. È stato orribile le prime volte (credetemi, sono terrorizzata dal volo!) ma una volta che ho imparato a fare avanti e indietro, è diventato come prendere un autobus e il mio corpo non sente nemmeno più il jet lag. La tecnologia al giorno d’oggi ci permette di chattare e di avere delle fantastiche videochiamate, facendoci sentire più vicini alle persone che amiamo. Di conseguenza, penso che siamo lontani fisicamente, ma non con la nostra anima. Ho sempre avuto un’incredibile connessione con la mia mamma che va oltre i chilometri e le frontiere. Una connessione che è così forte da farmi pensare “devo andare in Svizzera ad aprile, ma perché?” durante le settimane precedenti l’incidente. Quando tutto è successo, ero incredibilmente pronta, preparata a fare la valigia e a prendere il lunghissimo volo (a causa della guerra) per raggiungere la mia mamma.

Il concetto dello Shouganai
Vivere all’estero, specialmente in un paese così lontano e completamente diverso, è un’esperienza estremamente spaventosa all’inizio. Avevo paura persino di andare a fare la spesa, temendo il momento in cui avrei dovuto parlare con il cassiere. Questa paura è andata via lentamente abituandomi al nuovo ambiente. Poi, ho cominciato a notare tutte le cose buone che questa esperienza mi stava dando: Ho “aperto gli occhi” e ho visto le cose da diversi punti di vista; tutte le credenze e le routine che ho imparato fin da bambina in realtà non contano affatto, perché nel nuovo paese ce ne sono altre; sono stata costretta ad affrontare me stessa, a capire la mia anima, la mia famiglia, il mio paese, in opposizione a quello nuovo. Uno dei concetti più interessanti che ho imparato in Giappone è quello dello “shouganai”, che significa “non possiamo farci niente”, e si riferisce alle cose che non si possono cambiare nella vita, contro cui non si può combattere, esattamente come l’incidente di mia madre. Accettando le cose che accadono nella propria vita, si impara meglio ad affrontarle, e invece di lottare e arrabbiarsi, si può regolare la propria reazione e trovare soluzioni. Un aspetto negativo di questo concetto è che in Giappone sembra essere usato molto, a volte per allontanare le proprie responsabilità. In questo senso, non sono d’accordo. Nel mio caso, non potevamo fare molto per mia madre, a parte essere presenti quando si sarebbe svegliata (se si sarebbe svegliata) e questo è quello che abbiamo fatto, insieme.

Non sei ricca, ma sei ricca
Quando le persone mi chiedono delle mie scelte di vita, una cosa che dico loro è che quando avevo 25 anni, lavorando in Svizzera, guadagnavo più che a 30 anni in Giappone. Questo perché la Svizzera è di fatto uno dei paesi più costosi del mondo. Non mi sono trasferita in Giappone per la promessa di un buon stipendio, per “fare soldi”, ma per diventare “ricca” su un altro livello: con la conoscenza, la cultura e l’esperienza. In Giappone non sono diventata ricca, ma sono diventata incredibilmente ricca. Insieme a Jack, abbiamo lentamente modificato tutte le nostre priorità. La nostra casa è quasi vuota, i nostri mobili sono quasi tutti di seconda mano, non compriamo vestiti o oggetti inutili, ci concentriamo solo su ciò che conta. In questo modo, abbiamo avuto soldi sufficienti per comprare i nostri voli diretti abbastanza costosi per Zurigo con la Swiss, per essere vicini a mia mamma il più presto possibile (lui mi ha raggiunta oggi!).

Pronta e non pronta
Ero pronta a perdere mia mamma. Ma non fraintendetemi. Mi ha insegnato infinite cose straordinarie e insieme a mio papà ha fatto di me una donna indipendente in grado di affrontare la vita e il mondo in modo corretto. Negli ultimi due anni l’ho resa orgogliosa di me e finalmente ha potuto rilassarsi un po’. Ma non ero pronta a perderla, perché mi sarebbe mancato il suo amore, e il grande rapporto che abbiamo costruito insieme. Non ero pronta a non farla diventare nonna un giorno, e nemmeno a vedere Mr. Fuzzy, per cominciare. La vita è dolore, ma è anche piena di amore e di cose meravigliose, se sappiamo dove cercare.

Sentirsi benedetti
Purtroppo, e me ne vergogno, non sono mai stata una persona completamente felice. Da giovane ero leggermente pessimista. Ero un adolescente triste, ero “emo”, forse a causa degli ormoni, del bullismo, delle relazioni tossiche, della disoccupazione. Dal giorno in cui ho cambiato la mia vita andando in Giappone, le cose sono diventate ancora più difficili, perché avevo la sensazione di non potercela fare. Ma alla fine, tutti i pezzi del puzzle si sono uniti, e questa è stata la cosa migliore che avessi mai potuto fare nella mia vita. Ora mi sento benedetta ogni singolo giorno, anche quando le cose non sono al meglio. Ero pronta per l’incidente di mia madre, con il mio lavoro a distanza, il mio partner, il mio Mr. Fuzzy. Se doveva accadere, questo era il momento migliore in cui potesse accadere. Lei è sopravvissuta, possiamo stare insieme, non importa quanto tempo le ci vorrà per guarire.

Complimenti, siete arrivati alla fine di questo articolo molto personale! Ringrazio tutte le persone che ci sono state vicine in questi giorni. Spero che vi sia piaciuta questa lettura, fatemi sapere se avete avuto un’esperienza di vita simile nei commenti.

Grazie mille,

Elly

Scoprite di più sulla mia esperienza giapponese: Inside Japan | Inside Japan – The Exhibition | Inside Japan – Living Tokyo! | Inside Japan – Virtual Tours! 

3 thoughts on “Between Japan and Europe – What Four Years Abroad and Almost Losing my Mum Taught Me

  1. I’m so glad your mom is ok. Your article is so brave and honest. Please don’t feel shame about not always being happy. I really don’t know anyone who is happy all the time. You are real. and in my opinión, that’s the most important thing, being genuine. I’m wondering if you will be returning to Japan or staying in Lugano. I hope to see you again one day. ❤️

    Liked by 1 person

    1. Thank you so much for your kind comment Nancy. Jack and I will go back to Japan soon, because we need to settle some things. Then, we will go back to Lugano, when my mum will need help in the house. I hope to see you again too, we can come visit you with our Mr. Fuzzy if you want ❤

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s