Amazing Stories: From Tokyo to Krakow in a Van

EN

As promised, here comes the adventure we had at the end of 2021! The “Amazing Stories” series started with Colin; do you remember? He travelled 14 days on a boat to reach Japan from Vladivostok. Our adventure has something similarly epic. Of course, the title is a bit “romanticised” since doing Tokyo-Krakow in a van would be a bit complicated. But, as partly explained in my latest article, we took the flight Tokyo-Zurich, then we reached Lugano, in the south of Switzerland, and from there we departed towards Poland, with my 60-year-old parents and our 15-year-old chihuahua, Spotty.

Plans that partly go wrong due to Covid-19
The original plan was to meet in Poland. Jack and I had our LOT flight to Krakow through Warsaw booked, while my parents had their plan to depart with the van two days before our arrival and stop in Czech Republic for one night. To be honest, I was worried about them, but it was not their first long trip, so I knew they were ready for it. We all booked an apartment for a couple of weeks in a very cute complex called Wesoła Apartments, which had a garden for Spotty, a parking space for the van, and spacious rooms, completely furnished with kitchen. Our room had also a table where I could work remotely for the first week. Everything was perfectly planned, we could not wait to go, until three days before departure we got the news that our LOT flight was cancelled. Luckily, as you already know, we managed to book a Swiss flight, with arrival in Zurich, where my parents could come to pick us up. As a result, we had to postpone for one day the apartments in Poland and re-book the hotel in Czech Republic for all of us. But we got also a “bonus day” upon our return that we could spend in Lugano with our friends. Covid did something “good”, after all.

An epic ride through Europe during Covid 19
Let’s start from our arrival in Switzerland. Everything went smoothly and we immediately met my parents. We planned to get home on time to have dinner, wash some clothes, re-organize our bags, and maybe watch a movie. But there was an accident in the Gotthard tunnel, which made us wait for more than three hours and arrive home completely exhausted. We just took a shower and went to sleep. The next day, the real adventure began: Early wake up, breakfast, prepare Spotty, prepare the van, and go. While travelling through Switzerland, we saw the beautiful trees completely covered in snow, and the high mountains with their rocky peaks. We stopped in a gas station on the border with Lichtenstein, Jack and I entered the country for a couple of minutes to take some pictures of the castle from afar. Then on the road again. My dad was the driver, my mum on his side, wearing my steampunk sunglasses with Spotty chilling on her legs. Jack and I sitting in the back seats, trying to find a comfortable position. We took pictures, had interesting conversations, enjoyed the ride. We stopped for a snack in a little park somewhere, maybe in Austria, and then go again, through Germany and finally Plzen, Czech Republic, where we arrived at night. We were still recovering from the ride of the day before, so we just had a quick snack and went to sleep. The next morning, I woke up at 6am to work, something I would have done for the entire first week, while in the afternoon I would have enjoyed my family. We had breakfast in our rooms and then we departed towards our last destination: Krakow. From the highway, we could see the beautiful Czech countryside, with cute villages scattered all around, and peculiar statues from time to time. We also saw Prague from afar, which is one of the best cities I have ever been to. The second day’s trip was shorter than the first one, but still very tough. As soon as we arrived in Krakow we found a lot of traffic, and we could not wait to reach the apartments. Once there, the owner was super friendly, and we immediately felt at home. We settled in the rooms, took a shower, had a quick snack, and went to sleep. The return trip after two weeks was quite similar, we spent New Year’s Eve in Plzen, but in another hotel, where we were the only guests having dinner at the restaurant that night. Also, we got to see the last most incredible sunset of 2021, with the sky completely pink. If we combine the two trips, my dad drove for 32 hours circa split in four days, superman!

Why Poland, why Spotty
Before we continue, why Poland, you will ask. Krakow was our destination for last Christmas because Jack’s mother is originally from Poland, and she and his brothers would have spent the holidays in Krakow. While I had the chance to see my family during the summer, Jack hasn’t seen his mum for more than two years, so she was of course a priority. She and his brothers reached Krakow with a direct flight from the UK (where they live) and luckily did not have so many problems going back. Our return to Japan on the other hand, as you know, became another “epic” experience that deserved a chapter on its own. About Spotty, why bringing a 15-years-old chihuahua on such an adventure, you will ask. The reply is easy: It’s because she always travelled with us since the beginning of her life. We were worried about the cold, but she had the perfect spot in the room, just under the heater, and in the mornings she had a lot of fun in the snow. Unfortunately, Spotty left us on January 21, making this trip her last adventure together. I will always be grateful to her for this amazing gift.

Krakow, a surprisingly beautiful destination
Let’s go back to our trip! The days we spent in Krakow were particularly calm, with work during the first week for me, and then visits of the city, family gatherings, and some romantic moments with my Jack. We saw a lot of beautiful things and had many peculiar experiences, which I will divide in three main categories.

Historical and cultural visits: We visited the State Rooms and the Armoury of the Wawel Castle, which also had a temporary exhibition of Bruegel and Rubens. We also saw the dragon statue outside the castle, which spits fire every five minutes. We visited the beautiful Rynek square, and its cathedral, from which a man signals the time by playing a trumpet. The “St Mary’s Trumpet Call” interrupts on a very short note because it’s made in honour of the sentry who tried to warn the citizens about the approach of the Tatar in 1241, and who got killed by an arrow while playing the trumpet. Near the square there is the Krakow Museum, where we could learn about the history of the city and enjoy an exhibition of different and very colourful Maternity Scene sculptures made in occasion of an annual contest, which we were able to see also scattered around the city. About art, we visited the Czartoryski Museum where we could see the Lady with an Ermin by Leonardo da Vinci. Beautiful were also the works of Jan Matejko in his house that is now a museum, where we could learn about the life of this amazing painter. Finally, we saw where John Paul II lived when he was young, and we visited Kazimierz, the Jewish Quarter.

Fun visits: We had shopping at the huge Galeria Krakowska and we went ice skating at the Ice Park in Jordan Park. We had a coffee in the Hard Rock Café at the Rynek, and drunk butterbeer at The Leaky Cauldron, a very cute Harry Potter themed café located underground on the main street. Among the romantic experiences, Jack and I had a bath in the beer at the Beernarium Piwne Spa, and a dinner in Fiorentina, a Michelin 2020 restaurant (quite expensive of course, but it was worth it!).

Food visits: Krakow is full of restaurants and cafés, some of them peculiar in style, and we had the chance to try a lot of different Polish dishes, like the Zurek soup (sour rye soup), the Barszcz (beetroot soup), the famous Pierogi (dumplings), and the Placki ziemniaczane (potato pancakes). We also tried Polish style pizza, which was very good. Towards the end of our holiday, Jack and I bought a lot of sweets that we brought back to Japan.

Wieliczka Salt Mine and Auschwitz
Two places that you have to visit while in Krakow are definitely Wieliczka Salt Mine and Auschwitz. The first one for its peculiarity, and the second one to realize what man are capable of, and do not let things like that happen ever again. My mum was not feeling very well the day reserved to the salt mine, so only Jack and I went there. We reached the place by train; the ticket fare is convenient, and the mine is very close to Wieliczka station. We decided to book an Italian tour, and I enjoyed translating the things in English for Jack along the way. We went down, more than 300 meters underground, and we walked for 4km circa, while the entire mine has tunnels for almost 300km! It is a UNESCO World Heritage Site, and the visit was very interesting, because together with caves and tunnels, there are lots of beautiful statues and an entire cathedral made from salt! It is impressive, and we completed our tour by having a visit of the museum, which shows the machines used by the miners, minerals, and interesting facts. Unfortunately, I had a bit of a headache for the entire visit, probably given by the change in pressure. For the visit of Auschwitz on the next day, my parents joined us, and we reached the place after one hour drive. We booked an Italian tour also here, which also included a lot of information about Italian people and Italy in that historic period. We visited Auschwitz I, the main camp, which has dormitories, artifacts, and photographs, then we went to Auschwitz II Birkenau, which has an original train car, a memorial, the gas chambers, and shacks. I cannot describe the pain I felt visiting these places, and it was impossible for me not to cry. However, I recommend everyone to go there at least once in their lifetime.

And this was our amazing adventure in Poland! A last fun fact: Krakow is beautiful, and we discovered also why, there was the influence of an Italian Sforza princess! Italians are famous for their style, and the old city of Krakow looks lovely. There are still a lot of things I would like to see there. We will be back, I am sure!

Thank you so much,

Elly

Read all the Amazing Stories

IT

Come promesso, ecco l’avventura che abbiamo avuto alla fine del 2021! La serie “Amazing Stories” è iniziata con Colin; vi ricordate? Ha viaggiato 14 giorni su una barca per raggiungere il Giappone da Vladivostok. La nostra avventura ha qualcosa di altrettanto epico. Certo, il titolo è un po’ “romanzato” perché fare Tokyo-Cracovia in furgone sarebbe un po’ complicato. Ma, come in parte spiegato nel mio ultimo articolo, abbiamo preso il volo Tokyo-Zurigo, poi abbiamo raggiunto Lugano, nel sud della Svizzera, e da lì siamo partiti verso la Polonia, con i miei genitori sessantenni e la nostra chihuahua di 15 anni, Spotty.

Piani che in parte vanno male a causa del Covid-19
Il piano originale era di incontrarsi in Polonia. Io e Jack avevamo prenotato il nostro volo LOT per Cracovia via Varsavia, mentre i miei genitori avevano il loro piano di partire con il furgone due giorni prima del nostro arrivo e fermarsi in Repubblica Ceca per una notte. Ad essere onesti, ero preoccupata per loro, ma non era il loro primo lungo viaggio, quindi sapevo che erano pronti. Abbiamo tutti prenotato un appartamento per un paio di settimane in un complesso molto carino chiamato Wesoła Apartments, che aveva un giardino per Spotty, un parcheggio per il furgone, e camere spaziose, completamente arredate con cucina. La nostra stanza aveva anche un tavolo dove avrei potuto lavorare a distanza per la prima settimana. Tutto era perfettamente pianificato, non vedevamo l’ora di partire, finché tre giorni prima della partenza abbiamo ricevuto la notizia che il nostro volo LOT era stato cancellato. Per fortuna, come già sapete, siamo riusciti a prenotare un volo Swiss, con arrivo a Zurigo, dove i miei genitori sarebbero venuti a prenderci. Di conseguenza, abbiamo dovuto rimandare di un giorno gli appartamenti in Polonia e riprenotare l’hotel in Repubblica Ceca per tutti noi. Ma abbiamo avuto anche un “giorno bonus” al nostro ritorno che abbiamo trascorso a Lugano con i nostri amici. Il Covid ha fatto qualcosa di “buono”, dopo tutto.

Un giro epico attraverso l’Europa durante il Covid 19
Partiamo dal nostro arrivo in Svizzera. Tutto è andato liscio e abbiamo subito incontrato i miei genitori. Avevamo pianificato di tornare a casa in tempo per cenare, lavare alcuni vestiti, riorganizzare le nostre valigie e magari guardare un film. Ma c’è stato un incidente nel tunnel del Gottardo, che ci ha fatto aspettare più di tre ore e arrivare a casa completamente esausti. Ci siamo fatti una doccia e siamo andati a dormire. Il giorno dopo è iniziata la vera avventura: Sveglia presto, colazione, preparare Spotty, preparare il furgone e partire. Durante il viaggio attraverso la Svizzera, abbiamo visto i bellissimi alberi completamente coperti di neve, e le alte montagne con le loro cime rocciose. Ci siamo fermati in una stazione di servizio al confine con il Lichtenstein, Jack ed io siamo entrati nel paese per un paio di minuti per scattare alcune foto del castello da lontano. Poi di nuovo sulla strada. Mio padre era l’autista, mia madre al suo fianco, indossava i miei occhiali da sole steampunk con Spotty che si rilassava sulle sue gambe. Io e Jack eravamo seduti sui sedili posteriori, cercando di trovare una posizione comoda. Abbiamo scattato foto, avuto conversazioni interessanti, ci siamo goduti il viaggio. Ci siamo fermati per uno spuntino in un piccolo parco da qualche parte, forse in Austria, e poi via di nuovo, attraverso la Germania e infine Plzen, Repubblica Ceca, dove siamo arrivati di notte. Ci stavamo ancora riprendendo dal viaggio del giorno prima, quindi abbiamo fatto uno spuntino veloce e siamo andati a dormire. La mattina dopo, mi sono svegliata alle 6:00 per lavorare, cosa che avrei fatto per tutta la prima settimana, mentre nel pomeriggio mi sarei goduta la mia famiglia. Abbiamo fatto colazione nelle nostre stanze e poi siamo partiti verso la nostra ultima destinazione: Cracovia. Dall’autostrada abbiamo potuto vedere la bella campagna ceca, con graziosi villaggi sparsi tutt’intorno e statue particolari di tanto in tanto. Abbiamo anche visto da lontano Praga, che è una delle migliori città che abbia mai visitato. Il secondo giorno di viaggio è stato più breve del primo, ma comunque molto duro. Appena arrivati a Cracovia abbiamo trovato un sacco di traffico, e non vedevamo l’ora di raggiungere gli appartamenti. Una volta arrivati, il proprietario è stato super cordiale e ci siamo sentiti subito a casa. Ci siamo sistemati nelle stanze, abbiamo fatto una doccia, uno spuntino veloce e siamo andati a dormire. Il viaggio di ritorno dopo due settimane è stato abbastanza simile, abbiamo passato il Capodanno a Plzen, ma in un altro hotel, dove eravamo gli unici ospiti a cenare al ristorante quella sera. Inoltre, abbiamo potuto vedere l’ultimo tramonto più incredibile del 2021, con il cielo completamente rosa. Se combiniamo i due viaggi, mio padre ha guidato per 32 ore circa divise in quattro giorni, superman!

Perché la Polonia, perché Spotty
Prima di continuare, perché la Polonia, vi chiederete. Cracovia era la nostra destinazione per lo scorso Natale perché la madre di Jack è originaria della Polonia, e lei e i suoi fratelli avrebbero passato le vacanze a Cracovia. Mentre io ho avuto la possibilità di vedere la mia famiglia durante l’estate, Jack non ha visto sua madre per più di due anni, quindi era ovviamente una priorità. Lei e i suoi fratelli hanno raggiunto Cracovia con un volo diretto dal Regno Unito (dove vivono) e fortunatamente non hanno avuto tanti problemi per il ritorno. Il nostro ritorno in Giappone invece, come sapete, è diventato un’altra esperienza “epica” che meritava un capitolo a sé. A proposito di Spotty, perché portare una chihuahua di 15 anni in un’avventura del genere, vi chiederete. La risposta è facile: è perché ha sempre viaggiato con noi fin dall’inizio della sua vita. Eravamo preoccupati per il freddo, ma lei aveva il posto perfetto nella stanza, proprio sotto il riscaldamento, e la mattina si divertiva molto nella neve. Purtroppo Spotty ci ha lasciato il 21 gennaio, rendendo questo viaggio la sua ultima avventura insieme. Le sarò sempre grata per questo regalo straordinario.

Cracovia, una destinazione sorprendentemente bella
Torniamo al nostro viaggio! I giorni che abbiamo trascorso a Cracovia sono stati particolarmente tranquilli, con lavoro durante la prima settimana per me, e poi visite della città, riunioni di famiglia, e alcuni momenti romantici con il mio Jack. Abbiamo visto un sacco di cose belle e abbiamo avuto molte esperienze particolari, che dividerò in tre categorie principali.

Visite storiche e culturali: Abbiamo visitato le Sale di Stato e l’Armeria del Castello di Wawel, che aveva anche una mostra temporanea di Bruegel e Rubens. Abbiamo anche visto la statua del drago fuori dal castello, che sputa fuoco ogni cinque minuti. Abbiamo visitato la bella piazza Rynek, e la sua cattedrale, da cui un uomo segnala il tempo suonando una tromba. Lo “Squillo di tromba di Santa Maria” si interrompe su una nota molto breve perché è fatto in onore della sentinella che cercò di avvertire i cittadini dell’avvicinarsi dei tartari nel 1241, e che fu uccisa da una freccia mentre suonava la tromba. Vicino alla piazza c’è il Museo di Cracovia, dove abbiamo potuto conoscere la storia della città e goderci una mostra di diverse e coloratissime sculture di Scene di Maternità realizzate in occasione di un concorso annuale, che abbiamo potuto vedere anche sparse per la città. Per quanto riguarda l’arte, abbiamo visitato il Museo Czartoryski dove abbiamo visto la Dama con l’Ermellino di Leonardo da Vinci. Bellissime erano anche le opere di Jan Matejko nella sua casa che ora è un museo, dove abbiamo potuto conoscere la vita di questo straordinario pittore. Infine, abbiamo visto dove ha vissuto Giovanni Paolo II quando era giovane e abbiamo visitato Kazimierz, il quartiere ebraico.

Visite divertenti: Abbiamo fatto shopping nell’enorme Galeria Krakowska e siamo andati a pattinare sul ghiaccio all’Ice Park del Jordan Park. Abbiamo preso un caffè all’Hard Rock Café vicino la Rynek, e bevuto burrobirra al The Leaky Cauldron, un caffè molto carino a tema Harry Potter situato nel sottosuolo della strada principale. Tra le esperienze romantiche, Jack ed io abbiamo fatto un bagno nella birra al Beernarium Piwne Spa, e una cena al Fiorentina, un ristorante Michelin 2020 (abbastanza costoso, naturalmente, ma ne è valsa la pena!).

Visite di cibo: Cracovia è piena di ristoranti e caffè, alcuni dei quali hanno uno stile particolare, e abbiamo avuto la possibilità di provare molti piatti polacchi diversi, come la zuppa Zurek (zuppa di segale acida), il Barszcz (zuppa di barbabietole), i famosi Pierogi (gnocchi), e i Placki ziemniaczane (frittelle di patate). Abbiamo anche provato la pizza in stile polacco, che era molto buona. Verso la fine della nostra vacanza, Jack ed io abbiamo comprato molti dolci che abbiamo riportato in Giappone.

La miniera di sale di Wieliczka e Auschwitz
Due luoghi da visitare a Cracovia sono sicuramente la miniera di sale di Wieliczka e Auschwitz. La prima per la sua particolarità, e la seconda per rendersi conto di cosa sono capaci gli uomini, e non lasciare che cose del genere accadano mai più. Mia madre non si sentiva molto bene il giorno riservato alla miniera di sale, quindi ci siamo andati solo io e Jack. Abbiamo raggiunto il posto in treno; il prezzo del biglietto è conveniente, e la miniera è molto vicina alla stazione di Wieliczka. Abbiamo deciso di prenotare un tour in italiano, e mi sono divertita a tradurre le cose in inglese per Jack lungo la strada. Siamo scesi, più di 300 metri sotto terra, e abbiamo camminato per circa 4 km, mentre l’intera miniera ha tunnel per quasi 300 km! È un patrimonio mondiale dell’UNESCO, e la visita è stata molto interessante, perché insieme alle grotte e ai tunnel, ci sono molte belle statue e un’intera cattedrale fatta di sale! È impressionante, e abbiamo completato il nostro tour con una visita al museo, che mostra le macchine usate dai minatori, minerali e fatti interessanti. Purtroppo ho avuto un po’ di mal di testa per tutta la visita, probabilmente dato dal cambio di pressione. Per la visita di Auschwitz il giorno dopo si sono uniti a noi i miei genitori, e abbiamo raggiunto il luogo dopo un’ora di macchina. Abbiamo prenotato un tour italiano anche qui, che comprendeva anche molte informazioni sul popolo italiano e sull’Italia in quel periodo storico. Abbiamo visitato Auschwitz I, il campo principale, che ha dormitori, oggetti e fotografie, poi siamo andati ad Auschwitz II Birkenau, che ha un vagone originale del treno, un monumento commemorativo, le camere a gas, e le baracche. Non posso descrivere il dolore che ho provato visitando questi luoghi, ed è stato impossibile per me non piangere. Consiglio però a tutti di andarci almeno una volta nella vita.

E questa è stata la nostra incredibile avventura in Polonia! Un ultimo fatto divertente: Cracovia è bellissima, e abbiamo scoperto anche perché, c’era l’influenza di una principessa italiana Sforza! Gli italiani sono famosi per il loro stile, e la città vecchia di Cracovia è adorabile. Ci sono ancora molte cose che vorrei vedere lì. Ci torneremo, ne sono sicura!

Grazie mille,

Elly

Leggete tutte le Amazing Stories

One thought on “Amazing Stories: From Tokyo to Krakow in a Van

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s