Inside Japan – 2021: The Year I Settled in Tokyo

EN

Hello my beautiful people, I hope you are all fine and I wish you the best for your 2022! For me, it is that time of the year where I would like to share with you my personal experience. Feel free to continue reading at your own risk, I warned you!

2021 in a nutshell
As the title suggests, this is the year where I officially settled in Japan: I am renting a beautiful house with my incredible partner, I have a great job where I am growing very fast, I have a bunch of loyal friends, and I can manage important stuff in Japanese by myself. All of this after four long years through fear, excitement, depression, self-discovery, and a global pandemic. But let’s proceed in order, shall we?

Moving to Japan as a life change
When people ask me why I came to Japan, I simply reply with a phrase that may sound silly but it’s incredibly true: “Life change”. Yes, because in my beautiful Ticino (south of Switzerland) I was building the basis for an amazing life I was dreaming of: A stable partner and a great job experience in one of the biggest retail companies in the world (VF Corp., I also worked for my favourite brand VANS). A dream that suddenly fell apart: My work contract ended, and my relationship was deteriorating day by day. I was 26, full of energy and hope, with all the doors suddenly closed in front of me, with people offering me jobs for very low pays or even telling me that I wasn’t clever enough. I tried applying in other regions, I kept trying but nothing, I felt like a failure, because my parents did their best to give me a good life in Switzerland. I fell into a deep depression I had to exit as soon as possible. I took a trip to London, to study graphic design for a couple of weeks, and when I came back, I told myself that I needed to live in a city like that. Then, the idea of Japan, that I visited in the past and I liked so much. I was terribly scared because just my parents and I migrated to Switzerland, while the rest of my family is in Italy, and none of my best friends had ever done something this crazy. But I felt like I needed to go. So, with my master’s degree, my work experience in social media and event management, and my new knowledge of some graphic design, I created “Elly Lakes World”, I did my first photographic exhibition in Lugano, and by January 2018 I was in Tokyo. Then you already know how it went: The relationship did not survive the distance, and my new life in Japan started.

Bye bye Switzerland (for now)
As I said before, I was born in Italy, but I grew up in Switzerland. I started my 14 Swiss years by being bullied because of my different Italian accent, but I tried to conform to Swiss culture (which is very different from the Italian one, but similar to the Japanese one), and I slowly built my life there. At university I was already “Elly Lakes”, and people knew me for my PR work, time passed by, and everything was going well, until that moment when the famous dream fell apart. It is very difficult to leave one’s country, I am sure that many will agree with me. When you realize that you are drifting away from your homeland, you feel like you can’t breathe: That is why I have always tried to build a bridge, working remotely for the Swiss radio, appearing on Swiss TV, having interviews with Swiss journalists. I also collaborated with the Italian TV and YouTubers. And for the past three years, since things were constantly unstable and anxiety was my best friend, I kept searching for a job also there. But Switzerland (and Ticino) never seemed to want me back. Now I finally took a deep breath and realized that I need to let go, and that my life is in Japan now. If I miss home, I have my people of the Swiss Embassy, the Swiss Chamber of Commerce, and the Swiss Club Tokyo I can interact with. My life officially changed.

2021: A horrible start
But let’s go back to our 2021, a year that mimicked 2020, bringing anxiety and depression with it, which for me started in a horrible way. We need to go back a couple of months before: In October 2020, when I managed to return to Japan thanks to my previous job after 10 months of quarantine in Switzerland, I thought that my suffering was finally over. I had a job as a social media manager that I loved, and I had my amazing new partner. But things got bad incredibly fast: after five months my contract ended and was not renewed, while with Jack suddenly living together became a nightmare. A catastrophe. This time depression hit harder than before, because I had two tough Japanese years and one year of global pandemic on my shoulders to carry and digest. I think I got literally crazy, I had extremely bad thoughts haunting me every day. At that time, I didn’t even have friends around because Covid ruined any social interaction, and I felt incredibly alone. Alone again, in a country that seemed to be hostile again, without a job, again. The news that unfortunately an old friend of mine took their life away didn’t help at all. Luckily, I had the chance to meet Taylor (my current boss) and after a month of research and interviews with various companies I decided to join Mugen. I gave my best at work and after less than a month Taylor told me he was extremely happy and wanted to keep me. I had a stable income again! I didn’t wait a second and I moved out to my Nerima apartment, and then together with Jack we decided to break up for our best. I spent one month alone in Tokyo, then one month working from Switzerland, where I recharged the batteries. I could do it! I could be a single woman with her beautiful family and friends to support her. I gained hope again.

A new life in Japan
I turned 30 in August this year. I think this was the best present I could get in life: For me it meant letting go the crazy 20s, with the university years, all the unstable jobs, caring about other people’s opinion, the bad friendships and relationships, the toxic traits, the old Elly. I cried out all I had to cry, I overthought everything I could overthink, and once I came back to Japan, I tried meditation and isolation to find myself. Also, Jack, like me, went through a moment of transformation by himself, and eventually life brought us together again. We had a long talk and understood that we love each other too much to let go, that most of our problems were also given by the environment, and that if we wanted to live together again, we would have done it in a proper house and not in a 30 square meters apartment. And that’s what exactly happened.

Wow! This was a tough article to write but be assured that worst things and traumas are well digested, both for me and Jack, and that we let go many things that made us suffer. Now we are very minimalist, our house is almost empty, but full of love. Let’s concentrate on writing an amazing future together! I hope you liked this article, let me know about your 2021 in the comments!

Thank you so much,

Elly

Discover more about my Japanese experience: Inside Japan | Inside Japan – The Exhibition | Inside Japan – Living Tokyo! | Inside Japan – Virtual Tours!

IT

Ciao mia bella gente, spero che stiate tutti bene e vi auguro il meglio per il vostro 2022! Per me, è quel periodo dell’anno in cui vorrei condividere con voi la mia esperienza personale. Sentitevi liberi di continuare a leggere a vostro rischio e pericolo, vi ho avvertito!

Il 2021 in breve
Come suggerisce il titolo, questo è l’anno in cui mi sono ufficialmente stabilita in Giappone: Sto affittando una bella casa con il mio incredibile compagno, ho un ottimo lavoro dove sto crescendo molto velocemente, ho un mucchio di amici fedeli, e posso gestire da sola le cose importanti in giapponese. Tutto questo dopo quattro lunghi anni passati tra paura, eccitazione, depressione, scoperta di sé e una pandemia globale. Ma procediamo con ordine, vi va?

Trasferirsi in Giappone come cambiamento di vita
Quando le persone mi chiedono perché sono venuta in Giappone, rispondo semplicemente con una frase che può sembrare sciocca ma è incredibilmente vera: “Cambio di vita”. Sì, perché nel mio bel Ticino (sud della Svizzera) stavo costruendo le basi per una vita fantastica che sognavo: Un partner stabile e una fantastica esperienza lavorativa in una delle più grandi aziende di vendita al dettaglio del mondo (VF Corp., ho lavorato anche per il mio marchio preferito VANS). Un sogno che improvvisamente è crollato: Il mio contratto di lavoro finiva e la mia relazione si deteriorava giorno dopo giorno. Avevo 26 anni, piena di energia e speranze, con tutte le porte improvvisamente chiuse davanti a me, con persone che mi offrivano lavori per una paga molto bassa o addirittura mi dicevano che non ero abbastanza intelligente. Ho provato a fare domanda in altre regioni, ho continuato a provare ma niente, mi sentivo un fallimento, perché i miei genitori hanno fatto del loro meglio per darmi una buona vita in Svizzera. Sono caduta in una profonda depressione da cui dovevo uscire il prima possibile. Ho fatto un viaggio a Londra, per studiare graphic design per un paio di settimane, e quando sono tornata, mi sono detta che avevo bisogno di vivere in una città come quella. Poi, l’idea del Giappone, che avevo visitato in passato e che mi piaceva tanto. Ero terribilmente spaventata perché solo io e i miei genitori siamo emigrati in Svizzera, mentre il resto della mia famiglia è in Italia, e nessuno dei miei migliori amici aveva mai fatto una cosa così folle. Ma sentivo che dovevo andare. Così, con il mio master, la mia esperienza lavorativa nei social media e nell’event management, e le mie nuove conoscenze di un po’ di graphic design, ho creato “Elly Lakes World”, ho fatto la mia prima mostra fotografica a Lugano, e a gennaio 2018 ero a Tokyo. Poi sapete già come è andata: La relazione non è sopravvissuta alla distanza, ed è iniziata la mia nuova vita in Giappone.

Bye bye Svizzera (per ora)
Come ho detto prima, sono nata in Italia, ma sono cresciuta in Svizzera. Ho iniziato i miei 14 anni svizzeri sopravvivendo al bullismo per il mio diverso accento italiano, ma ho cercato di conformarmi alla cultura svizzera (che è molto diversa da quella italiana, ma simile a quella giapponese), e ho costruito lentamente la mia vita lì. All’università ero già “Elly Lakes”, e le persone mi conoscevano per il mio lavoro di PR, il tempo passava e tutto andava bene, fino a quel momento in cui il famoso sogno è crollato. È molto difficile lasciare il proprio paese, sono sicura che molti saranno d’accordo con me. Quando ci si rende conto che ci si sta allontanando dalla propria patria, sembra di non poter respirare: Per questo ho sempre cercato di costruire un ponte, lavorando a distanza per la radio svizzera, apparendo nella televisione svizzera, facendo interviste con giornalisti svizzeri. Ho anche collaborato con la TV e con YouTubers italiani. E negli ultimi tre anni, visto che le cose erano costantemente instabili e l’ansia era la mia migliore amica, ho continuato a cercare un lavoro anche lì. Ma la Svizzera (e il Ticino) sembravano non volermi più. Ora finalmente ho fatto un respiro profondo e ho capito che devo lasciar andare, e che la mia vita ora è in Giappone. Se mi manca casa, ho le mie persone dell’Ambasciata svizzera, la Camera di commercio svizzera e il Swiss Club Tokyo con cui posso interagire. La mia vita è ufficialmente cambiata.

2021: Un inizio orribile
Ma torniamo al nostro 2021, un anno che ha imitato il 2020, portando con sé ansia e depressione, che per me è iniziato in modo orribile. Dobbiamo tornare indietro di un paio di mesi: Nell’ottobre 2020, quando sono riuscita a tornare in Giappone grazie al mio precedente lavoro dopo 10 mesi di quarantena in Svizzera, pensavo che la mia sofferenza fosse finalmente finita. Avevo un lavoro come social media manager che amavo, e avevo il mio nuovo fantastico partner. Ma le cose si sono messe male incredibilmente in fretta: dopo cinque mesi il mio contratto è finito e non è stato rinnovato, mentre con Jack la convivenza è diventata improvvisamente un incubo. Una catastrofe. Questa volta la depressione colpì più duramente di prima, perché avevo due anni giapponesi difficili e un anno di pandemia globale sulle spalle da portare e digerire. Credo di essere diventata letteralmente pazza, avevo pensieri estremamente brutti che mi perseguitavano ogni giorno. In quel periodo, non avevo nemmeno amici intorno perché il Covid ha rovinato qualsiasi interazione sociale, e mi sentivo incredibilmente sola. Di nuovo sola, in un paese che sembrava essere di nuovo ostile, senza un lavoro, di nuovo. La notizia che purtroppo una mia vecchia amica si è tolta la vita non ha aiutato per niente. Per fortuna, ho avuto la possibilità di incontrare Taylor (il mio attuale capo) e dopo un mese di ricerche e colloqui con varie aziende ho deciso di unirmi a Mugen. Ho dato il meglio di me al lavoro e dopo meno di un mese Taylor mi ha detto che era estremamente felice e che voleva tenermi. Avevo di nuovo un reddito stabile! Non ho aspettato un secondo e mi sono trasferita nel mio appartamento di Nerima, e poi insieme a Jack abbiamo deciso di lasciarci per il meglio. Ho passato un mese da sola a Tokyo, poi un mese lavorando dalla Svizzera, dove ho ricaricato le batterie. Potevo farcela! Potevo essere una donna single con la sua bella famiglia e gli amici a sostenerla. Ho guadagnato di nuovo la speranza.

Una nuova vita in Giappone
Ho compiuto 30 anni ad agosto di quest’anno. Penso che questo sia stato il miglior regalo che potessi ricevere nella vita: Per me ha significato lasciar andare i folli vent’anni, con gli anni dell’università, tutti i lavori instabili, il preoccuparsi dell’opinione degli altri, le cattive amicizie e relazioni, i tratti tossici, la vecchia Elly. Ho pianto tutto quello che avevo da piangere, ho “sovrappensierato” tutto quello che potevo “sovrappensierare”, e una volta tornata in Giappone, ho provato la meditazione e l’isolamento per trovare me stessa. Anche Jack, come me, ha attraversato un momento di trasformazione da solo, e alla fine la vita ci ha riuniti di nuovo. Abbiamo parlato a lungo e abbiamo capito che ci amiamo troppo per lasciarci andare, che la maggior parte dei nostri problemi erano dati anche dall’ambiente, e che se avessimo voluto tornare a vivere insieme, lo avremmo fatto in una casa vera e propria e non in un appartamento di 30 metri quadri. Ed è esattamente quello che è successo.

Wow! Questo è stato un articolo difficile da scrivere, ma state certi che le cose peggiori e i traumi sono ben digeriti, sia per me che per Jack, e che abbiamo lasciato andare molte cose che ci hanno fatto soffrire. Ora siamo molto minimalisti, la nostra casa è quasi vuota, ma piena d’amore. Concentriamoci sullo scrivere un fantastico futuro insieme! Spero che questo articolo vi sia piaciuto, fatemi sapere il vostro 2021 nei commenti!

Grazie mille,

Elly

Scoprite di più sulla mia esperienza giapponese: Inside Japan | Inside Japan – The Exhibition | Inside Japan – Living Tokyo! | Inside Japan – Virtual Tours! 

One thought on “Inside Japan – 2021: The Year I Settled in Tokyo

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s