Japan Virtual Tours – Road Trip Through Ibaraki Prefecture: From Giant Buddhas to Beautiful Flowers

EN

Hello everybody, how are you? I left you with an article about my return to Tokyo, and now I am happy to say that my quarantine became just a memory, while Tokyo is out of the state of emergency! While on my Instagram I started posting pictures related to my Kochi series of articles, this time I would like to talk about another beautiful prefecture: Ibaraki! Here follows the four-day road trip of last April, let’s go!

Day 1: Guinness World Record Ushiko’s Buddha and JAXA Satellites
We rented a car in the early morning in Tokyo and started our journey in the traffic jam. Unfortunately, it was also raining that day, which was not helping with the mood, but as soon as we saw the big head of Ushiko’s Buddha, our first stop, we forgot all the struggles. Completed in 1993, Ushiko’s Buddha statue is 120 metres tall and kept the Guinness World Record until 2008, while nowadays it is “just” among the tallest statues in the world. It is surrounded by a beautiful garden, and you can go inside it! Elevators will take you to the top. Inside, you will find a little museum, a temple, a meditation area, and several souvenir shops. I would like to go back there on a sunny day. Our second stop of the day was Tsukuba city, with its Tsukuba Space Center. There, you get to see a lot of JAXA (Japan Aerospace Exploration Agency) satellites, among which there is the one with the Guinness World Record. You will also learn about space exploration and the life of astronauts in general. Outside, there will be a real rocket waiting for you! It is huge. Not so far from the Tsukuba Space Center stands the Tsukuba Expo Center, where you can learn about science in general, have fun making experiments, and see photographic exhibitions. We ended our day by dining in a cute restaurant, from which I had a radio live show (in Italian) where I revealed its name.

Day 2: Mount Tsukuba and Kairakuen Garden in Mito
On our second day we had a good konbini breakfast and drove towards Mount Tsukuba. We did a brief stop at “Wan Wan Land”, which is an amusement park for dog owners and lovers with huge dogs’ statues. “Luckily” it was closed that day, otherwise we would have spent the entire day there, watching doggos play or parade. We continued our journey and arrived at the foot of Mount Tsukuba, where we visited beautiful temples and shrines, and then took the cable car to reach the top. There, you can choose to hike and visit the two sides of the mountain, from which you can get a view of the surrounding valley and cities. We went on both, the one on the right (if you keep your shoulders toward the cable car) was the best one, with various “fortune” rocks, “love” rocks, a “love bridge”, and a stunning view at the top. On Mount Tsukuba you can have a pic-nic or eat in one of the small food stalls that sell local food, this time we chose the first option. Once finished our hike, we descended the mountain with the cable car, and continued our drive to Mito, where we first visited the Ibarakiken Gokoku Shrine, still full of Sakura trees in bloom, and then the beautiful Kairakuen Garden, dated Edo period (1842) and among the three finest landscape gardens of Japan. There, we saw a beautiful ancient villa and colourful bushes of Azalea, and at night the flowers and plants were illuminated with colourful lights. We concluded our day with a simple but delicious Yakitori dinner in the city centre.

Day 3: Oarai Beach and Shrine, Hitachi Seaside Park, and Mito Kodokan
On our third day we decided to go by the sea, first having a walk on the wide Oarai beach, where many people were trying to fish out seashells from the sand, while others were surfing among the small but strong waves. We continued by visiting Oarai Isosaki Shrine, where we had the chance to see a monk blessing a car with an interesting ritual. The beautiful Oarai Shrine is located on a hill and continues down a staircase, then on the other side of the road until the beach, where a Torii stands on top of the rocks in the middle of the sea. It is a great location for pictures and videos. We continued our journey by visiting the popular Hitachi Seaside Park, where colorful Tulips, yellow Canola flowers, and the famous blue Nemophila were in full bloom. You can walk up the blue hill and have a look at the entire park. Hitachi Seaside Park is huge, we saw only half of it and then drove back to Mito to visit the Kodokan. The Mito Kodokan used to be a school for the children of the local samurai during the Edo period. Surrounded by a garden, outside its premises there is also the Kodokan Park with a little Shrine. Our visit of the city continued with the Mito Art Tower, unfortunately only from outside. Then we tried to eat sushi, but it is extremely expensive in Mito and to be honest, I don’t know why. In the end, we ate in a Sushiro, a famous conveyor belt sushi chain.

Day 4: Kashimanada Seaside Park, Kashima Jingu Shrine, and Narita Shrine
On our last day the sea was stormy, so we decided to go back to Oarai Shrine to take pictures of the Torii surrounded by high waves. It was a completely different experience from the previous day! Then we started our trip back to Tokyo by driving along the coast, where we stopped by Kashimanada Seaside Park. There, we had a look at the sea from a wooden deck and then we took a stroll on the long sandy beach. It was cloudy but beautiful, we could see our reflection in the water on the seashore. After this stop, we said goodbye to the sea and drove to Kashima Jingu Shrine, a peaceful area with deers (enclosed in a fence) and surrounded by a beautiful forest with mysterious little Shrines. Our last stop of the day was Narita Shrine, the most famous one for celebrating the beginning of the year. The Narita Shrine complex is huge, with a big park. We visited all the buildings and at the end of the day we saw cats and ravens coming out for food, so cute! After looking at the animals, we drove back home. Once in Tokyo, we were obviously exhausted.

And this was the amazing road trip in Ibaraki prefecture! I hope you enjoyed reading this article, I will share pictures on my social media channels. Stay tuned!

Thank you so much,

Elly

Discover more about my Japanese experience: Inside Japan | Inside Japan – The Exhibition | Inside Japan – Living Tokyo! | Inside Japan – Virtual Tours!

IT

Ciao a tutti, come state? Vi avevo lasciato con un articolo sul mio ritorno a Tokyo, e ora sono felice di dirvi che la mia quarantena è solo un ricordo, mentre Tokyo è fuori dallo stato di emergenza! Mentre sul mio Instagram ho iniziato a postare foto relative alla mia serie di articoli su Kochi, questa volta vorrei parlare di un’altra bellissima prefettura: Ibaraki! Di seguito il road trip di quattro giorni dello scorso aprile, andiamo!

Day 1: Ushiko Buddha e satelliti JAXA da Guinness dei primati
Abbiamo affittato una macchina la mattina presto a Tokyo e abbiamo iniziato il nostro viaggio nel traffico. Sfortunatamente, quel giorno pioveva pure, il che non aiutava l’umore, ma appena abbiamo visto la grande testa del Buddha di Ushiko, la nostra prima fermata, abbiamo dimenticato tutte le difficoltà. Completata nel 1993, la statua di Buddha di Ushiko è alta 120 metri e ha mantenuto il Guinness World Record fino al 2008, mentre oggi è “solo” tra le statue più alte al mondo. È circondata da un bel giardino, e ci si può entrare! Degli ascensori vi porteranno fino in cima. Al suo interno troverete un piccolo museo, un tempio, una zona di meditazione e diversi negozi di souvenir. Mi piacerebbe tornarci in una giornata di sole. La nostra seconda tappa della giornata è stata la città di Tsukuba, con il suo Tsukuba Space Center. Lì, potrete vedere un sacco di satelliti JAXA (Japan Aerospace Exploration Agency), tra i quali c’è quello con il Guinness World Record. Imparerete anche a conoscere l’esplorazione spaziale e la vita degli astronauti in generale. Fuori, ci sarà un vero razzo ad aspettarvi! È enorme. Non molto lontano dallo Tsukuba Space Center si trova lo Tsukuba Expo Center, dove si può imparare di scienza in generale, divertirsi a fare esperimenti e vedere mostre fotografiche. Abbiamo concluso la nostra giornata cenando in un ristorante carino, dal quale ho fatto una diretta radiofonica (in italiano) dove ho rivelato il suo nome.

Giorno 2: Monte Tsukuba e giardino Kairakuen a Mito
Il nostro secondo giorno abbiamo fatto una buona colazione al konbini e abbiamo guidato verso il Monte Tsukuba. Abbiamo fatto una breve sosta a “Wan Wan Land”, che è un parco divertimenti per proprietari e amanti dei cani con enormi statue di cani. “Per fortuna” era chiuso quel giorno, altrimenti avremmo passato tutta la giornata lì, a guardare i cagnolini giocare o sfilare. Abbiamo continuato il nostro viaggio e siamo arrivati ai piedi del monte Tsukuba, dove abbiamo visitato bellissimi templi e santuari, e poi preso la funivia per raggiungere la cima. Lì, si può scegliere di fare un’escursione e visitare i due lati della montagna, da cui si può avere una vista della valle e delle città circostanti. Noi siamo andati su entrambi, quello a destra (se tenete le spalle verso la funivia) era il migliore, con varie rocce della “fortuna”, rocce dell’“amore”, un “ponte dell’amore”, e una vista mozzafiato in cima. Sul monte Tsukuba si può fare un pic-nic o mangiare in una delle piccole bancarelle che vendono cibo locale, questa volta abbiamo scelto la prima opzione. Una volta terminata la nostra escursione, siamo scesi dalla montagna con la funivia e continuato il nostro viaggio verso Mito, dove abbiamo visitato prima il santuario Ibarakiken Gokoku, ancora pieno di alberi di Sakura in fiore, e poi il bellissimo giardino Kairakuen, datato periodo Edo (1842) e tra i tre migliori giardini paesaggistici del Giappone. Lì, abbiamo visto una bella villa antica e cespugli colorati di Azalea, e di notte i fiori e le piante erano illuminati con luci colorate. Abbiamo concluso la nostra giornata con una semplice ma deliziosa cena di Yakitori nel centro città.

Giorno 3: Spiaggia di Oarai e Santuario, Hitachi Seaside Park e Kodokan di Mito
Il nostro terzo giorno abbiamo deciso di andare al mare, facendo prima una passeggiata sull’ampia spiaggia di Oarai, dove molte persone cercavano di pescare conchiglie dalla sabbia, mentre altre facevano surf tra le piccole ma forti onde. Abbiamo continuato visitando il Santuario di Oarai Isosaki, dove abbiamo avuto la possibilità di vedere un monaco benedire una macchina con un interessante rituale. Il bellissimo Santuario di Oarai si trova su una collina e continua giù per una scalinata, poi dall’altra parte della strada fino alla spiaggia, dove un Torii si trova in cima alle rocce in mezzo al mare. È un ottimo luogo per foto e video. Abbiamo continuato il nostro viaggio visitando il popolare Hitachi Seaside Park, dove tulipani colorati, fiori gialli di canola e le famose Nemophila blu erano in piena fioritura. Si può salire sulla collina blu e dare un’occhiata all’intero parco. L’Hitachi Seaside Park è enorme, ne abbiamo visito solo metà e poi siamo tornati a Mito per visitare il Kodokan. Il Kodokan di Mito era una scuola per i figli dei samurai locali durante il periodo Edo. Circondato da un giardino, fuori dai suoi locali c’è anche il parco Kodokan con un piccolo santuario. La nostra visita della città è continuata con la Mito Art Tower, purtroppo solo da fuori. Poi abbiamo provato a mangiare il sushi ma è estremamente caro a Mito e, ad essere onesti, non so perché. Alla fine abbiamo mangiato in un Sushiro, una famosa catena di sushi a nastro trasportatore.

Giorno 4: Kashimanada Seaside Park, Santuario Kashima Jingu, e Santuario di Narita
Il nostro ultimo giorno il mare era in tempesta, così abbiamo deciso di tornare al Santuario di Oarai per fotografare il Torii circondato dalle alte onde. È stata un’esperienza completamente diversa dal giorno precedente! Poi abbiamo iniziato il nostro viaggio di ritorno a Tokyo guidando lungo la costa, dove ci siamo fermati al Kashimanada Seaside Park. Lì, abbiamo dato un’occhiata al mare da un ponte di legno e poi abbiamo fatto una passeggiata sulla lunga spiaggia di sabbia. Era nuvoloso ma bello, potevamo vedere il nostro riflesso nell’acqua sulla riva del mare. Dopo questa sosta, abbiamo salutato il mare e ci siamo diretti al Santuario di Kashima Jingu, in una zona tranquilla con cervi (racchiusi in un recinto) e circondato da una bella foresta con piccoli santuari misteriosi. La nostra ultima tappa della giornata è stata poi il Santuario di Narita, il più famoso per celebrare l’inizio dell’anno. Il complesso del Santuario di Narita è enorme, con un grande parco. Abbiamo visitato tutti gli edifici e alla fine della giornata abbiamo visto gatti e corvi che uscivano per mangiare, che carini! Dopo aver guardato gli animali, siamo tornati a casa. Una volta a Tokyo, eravamo ovviamente esausti.

E questo era l’incredibile Road Trip nella prefettura di Ibaraki! Spero che vi sia piaciuto leggere questo articolo, condividerò le foto sui miei canali di social media. Restate sintonizzati!

Grazie mille,

Elly

Scoprite di più sulla mia esperienza giapponese: Inside Japan | Inside Japan – The Exhibition | Inside Japan – Living Tokyo! | Inside Japan – Virtual Tours! 

One thought on “Japan Virtual Tours – Road Trip Through Ibaraki Prefecture: From Giant Buddhas to Beautiful Flowers

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s