Inside Japan – Exit and Return to Japan as a Resident During COVID-19

EN

Hi everybody! How are you? My first week of quarantine is almost over, I got used to the jet lag, I am fine. Not so much changed from before, since with my current job I have always been working from home. The weekends will be tough though, but I will take the time to write articles and update my social media pages. About articles! With this one I will try to explain how to go out and come back to Japan as a resident during COVID-19. Remember that I am a Swiss citizen, meaning that some things may be different from your situation, do not forget to check the official sources about your country!

Work visa and Facebook group
I am in Japan with the “Engineer/Specialist in Humanities/International Services” visa, but I think that you can freely move out and back with any kind of visa, the important thing is that you are a resident with your (not yet expired) Zairyu Card. A thing you must keep an eye on is your destination: If you go to some countries, you may not be able to come back. Rules change continuously, and one of my most precious sources of information is the Facebook group “Return to Japan Support Group”. There, you can collect first-hand information (sometimes in real time) from other people in your same situation. I heartly suggest you joining this group.

Exiting Japan as a resident during Covid-19
Let’s start with going out! Japan does not require you to do a PCR test to exit the country, so you have to check your destination’s rules. In my case, I had to do the usual PCR test 72 hours before the flight and complete a questionnaire to enter Switzerland. Here follows my check list:
Emirates flight: It was my first time with Emirates, and I found it good. Also, Dubai’s airport is great, and it was a pleasure to stop there. It really made me want to go out and explore! Next time.
PCR Test at the Tokyo Cancer Clinic: This is a quiet clinic in Iidabashi, where you get to choose between nasopharyngeal swab and saliva sample. I did the second one at 8.30am, so that the certificate was ready the same day by 4.30pm. Everything was handled in English. I chose their service because it was suggested in the group and it had positive feedback.
Federal entry form for Switzerland: I completed this as soon as I did the online check-in for Emirates, since they require your seat number.
Safety Wing Nomad Insurance: This is the insurance I did also when I came back to Japan during COVID-19 in October 2020, to cover my quarantine period until I got the insurance card from my previous company. This time of course I had to do it for Switzerland.
Going out was as easy as before COVID-19. The only problem was the Skyliner that was not available when I needed it, but I took normal trains and I got at the airport on time. Remember to complete the little form for coming back to Japan before going through immigration.

Coming back to Japan as a resident during COVID-19
And after your period abroad, it is time to go back home! Many things changed since the last time I entered Japan during the pandemic. But the basics are still there, here follows the check list:
Emirates flight: The returning flight was even better because it was shorter!
PCR Test certificate by MOFA: For safety, keep with you the certificate your doctor or clinic gives you (pay attention that there must be a clear “negative” written on it) but the MOFA document is the most important of all for your trip. The sample shows you exactly how it has to be completed and signed.
Questionnaire to enter Japan: It is similar to the Swiss one above, you can complete it as soon as you have your seat number. Remember to print out the QR code that you will receive, it is as important as the PCR certificate.
Pledge (For Individuals): Remember to check if there is an updated version online (I had an old one that was sufficient to check-in in Switzerland, but then once I arrived in Japan, they gave me the new one, in the link).
Apps MySOS and COCOA: Download these apps before your flight, they may check them at the check-in. Once in Japan, they will spend a lot of time to make sure that you can use these apps correctly, you will also be given a manual in English or Japanese.
Goal International pick-up Service: If you come from certain countries you will have to quarantine first in a designated hotel. But if you do not have to (like me), you must hire a private car or taxi to go back home. Once outside the airport you will see a “pick-up lane” with all the taxis and cars and that’s probably where your driver will be waiting for you. I chose Goal International like I chose the clinic, because people in the group tried it and gave positive feedback.

Enjoy your quarantine!
Once landed in Japan, you will pass through many areas where they will check your documents, give you new documents to fill out (bring a pen with you!) do the PCR test, show you the apps, and so on. At the very beginning, they will split who has to go to a hotel from who can go home. Once everybody is sat and waiting, I think it is the only moment when you can go to the toilet (ask for it if you need to!). After that break, you will start a long “journey” that may last more than two hours, until you will be able to grab your luggage, speak with the customs, and finally exit. I was devastated when I reached my hired car, and I could not believe that I made it home once I arrived. But I did it! Then the quarantine begins: 14 days where you can go out only for necessities, and where you have to state your health condition, reply to notifications, and answer calls by the app MySOS every single day (even several times a day). I missed the very first call and then I got used to it, remember to turn on the sound of your phone and keep it near you all the time! I miss the days where you just had to notify them through the Line App once a day.

And that was all about my experience of going out and coming back to Japan as a resident during COVID-19, I hope it was helpful to you. And for all the new visa holders out there waiting for their CoE (my friends included!), I really hope to see you soon in Japan.

Thank you so much,

Elly

Discover more about my Japanese experience: Inside Japan | Inside Japan – The Exhibition | Inside Japan – Living Tokyo! | Inside Japan – Virtual Tours!

IT

Ciao a tutti! Come state? La mia prima settimana di quarantena è quasi finita, mi sono abituata al jet lag, sto bene. Non è cambiato molto da prima, dato che con il mio attuale impiego ho sempre lavorato da casa. I fine settimana saranno duri però, ma mi prenderò il tempo per scrivere articoli e aggiornare le mie pagine sui social media. A proposito di articoli! Con questo cercherò di spiegare come uscire e tornare in Giappone come residente durante il COVID-19. Ricordatevi che sono una cittadina svizzera, il che significa che alcune cose potrebbero essere diverse dalla vostra situazione, non dimenticare di controllare le fonti ufficiali sul vostro paese!

Visto di lavoro e gruppo Facebook
Io sono in Giappone con il visto “Engineer/Specialist in Humanities/International Services”, ma penso che si possa liberamente andare e tornare con qualsiasi tipo di visto, l’importante è essere residenti con la Zairyu Card (non ancora scaduta). Una cosa che dovete tenere d’occhio è la vostra destinazione: Se andate in alcuni paesi, potreste non essere in grado di tornare indietro. Le regole cambiano continuamente, e una delle mie fonti di informazione più preziose è il gruppo Facebook “Return to Japan Support Group”. Lì potete raccogliere informazioni di prima mano (a volte in tempo reale) da altre persone nella vostra stessa situazione. Vi consiglio vivamente di unirvi a questo gruppo.

Uscire dal Giappone come residenti durante il COVID-19
Cominciamo dall’uscita! Il Giappone non richiede di fare un test PCR per uscire dal paese, quindi dovete controllare le regole della vostra destinazione. Nel mio caso, ho dovuto fare il solito test PCR 72 ore prima del volo e compilare un questionario per entrare in Svizzera. Ecco la mia check list:
Volo Emirates: era la mia prima volta con Emirates, e l’ho trovata buona. Inoltre, l’aeroporto di Dubai è fantastico, ed è stato un piacere fermarsi lì. Mi ha fatto davvero venire voglia di uscire ed esplorare! La prossima volta.
Test PCR alla Tokyo Cancer Clinic: Questa è una clinica tranquilla a Iidabashi, dove si può scegliere tra il tampone nasofaringeo e il campione di saliva. Ho fatto il secondo alle 8.30 del mattino, in modo che il certificato fosse pronto lo stesso giorno alle 16.30. Tutto è stato gestito in inglese. Ho scelto il loro servizio perché è stato suggerito nel gruppo e ha ottenuto un feedback positivo.
Modulo federale per l’entrata in Svizzera: L’ho compilato non appena ho fatto il check-in online per Emirates, dato che richiedono il numero di posto.
Assicurazione nomade Safety Wing: Questa è l’assicurazione che ho fatto anche quando sono tornata in Giappone durante il COVID-19 nell’ottobre 2020, per coprire il mio periodo di quarantena fino a quando non ho ottenuto la tessera assicurativa dalla mia precedente azienda. Questa volta ovviamente ho dovuto farla per la Svizzera.
Uscire è stato facile come prima del COVID-19. L’unico problema è stato lo Skyliner che non era disponibile quando ne avevo bisogno, ma ho preso treni normali e sono arrivata all’aeroporto in tempo. Ricordatevi di compilare il piccolo modulo per tornare in Giappone prima di passare l’immigrazione.

Tornare in Giappone come residenti durante il COVID-19
E dopo il periodo all’estero, è ora di tornare a casa! Molte cose sono cambiate dall’ultima volta che sono entrata in Giappone durante la pandemia. Ma le cose di base ci sono ancora, ecco la check list:
Volo Emirates: Il volo di ritorno è stato ancora meglio perché più breve!
Certificato del test PCR del MOFA: Per sicurezza, tenete con voi il certificato che vi dà il vostro medico o clinica (fate attenzione che ci sia scritto chiaramente “negativo”) ma il documento del MOFA è il più importante di tutti per il vostro viaggio. L’esempio vi mostra esattamente come deve essere compilato e firmato.
Questionario per entrare in Giappone: È simile a quello svizzero di cui sopra, potete completarlo non appena avete il vostro numero di posto. Ricordatevi di stampare il codice QR che riceverete, è importante quanto il certificato PCR.
Pledge (For Individuals): Ricordatevi di controllare se c’è una versione aggiornata online (io ne avevo una vecchia che era sufficiente per il check-in in Svizzera, ma poi una volta arrivata in Giappone mi hanno dato quella nuova, nel link).
App MySOS e COCOA: Scaricate queste applicazioni prima del volo, potrebbero controllarle al check-in. Una volta in Giappone, passeranno molto tempo per assicurarsi che voi possiate usare queste applicazioni correttamente, vi verrà anche dato un manuale in inglese o giapponese.
Servizio di pick-up Goal International: Se venite da certi paesi dovrete prima fare la quarantena in un hotel designato. Ma se non siete obbligati (come me), dovete noleggiare un’auto privata o un taxi per tornare a casa. Una volta fuori dall’aeroporto vedrete una “corsia di pick-up” con tutti i taxi e le auto e probabilmente è lì che il vostro autista vi aspetterà. Ho scelto Goal International come ho scelto la clinica, perché le persone del gruppo l’hanno provata e hanno dato un feedback positivo.

Godetevi la vostra quarantena!
Una volta atterrati in Giappone, passerete attraverso molte aree dove controlleranno i vostri documenti, vi daranno nuovi documenti da compilare (portate una penna con voi!) faranno il test PCR, vi mostreranno le applicazioni, e così via. All’inizio, divideranno chi deve andare in un hotel da chi può andare a casa. Una volta che tutti sono seduti e aspettano, penso che sia l’unico momento in cui potete andare in bagno (chiedetelo se ne avete bisogno!). Dopo quella pausa, inizierà il lungo “viaggio” che può durare più di due ore, fino a quando potrete prendere i vostri bagagli, parlare con la dogana, e finalmente uscire. Ero distrutta quando ho raggiunto la mia auto prenotata, e non potevo credere di essere riuscita a tornare a casa una volta arrivata. Ma ce l’ho fatta! Poi inizia la quarantena: 14 giorni dove potete uscire solo per le necessità, e dove dovete dichiarare il vostro stato di salute, rispondere alle notifiche, e rispondere alle chiamate dell’app MySOS ogni singolo giorno (anche più volte al giorno). Ho mancato la primissima chiamata e poi mi sono abituata, ricordatevi di accendere il suono del vostro telefono e di tenerlo sempre vicino a voi! Mi mancano i giorni in cui bastava notificare attraverso l’app Line una volta al giorno.

E questo era tutto riguardo la mia esperienza di uscita e ritorno in Giappone come residente durante il COVID-19, spero che vi sia stato di aiuto. E per tutti i nuovi titolari di visto là fuori in attesa del CoE (inclusi i miei amici!), spero davvero di vedervi presto in Giappone.

Grazie mille,

Elly

Scoprite di più sulla mia esperienza giapponese: Inside Japan | Inside Japan – The Exhibition | Inside Japan – Living Tokyo! | Inside Japan – Virtual Tours! 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s