Japan Virtual Tours – Beautiful Snow and Castle in Nozawa Onsen and Matsumoto

EN

Hello everyone! How are you? On my Instagram I promised that after our little “Kyoto tour” we would have started a new journey together, and here we go! We will take the Shinkansen from Tokyo and go up, towards Nagano prefecture, to see some beautiful snow and a castle! Are you ready?

Trip preparation from Tokyo Station to Kanda Ogawamachi
The short trip was three days in total, from Sunday to Tuesday, taking advantage of the Emperor’s Birthday on February 23, which is a National Holiday. We had Saturday to clean the house and prepare everything for the trip. First things first: The Shinkansen ticket! We bought a three-day pass for the Nagano region at Tokyo station, then proceeded to buy my winter gear. I already had my old mask (that officially died in this trip), my hat, and ski gloves, but I had to buy a thermo shirt, ski pants and jacket. Where to go? Who lives in Tokyo knows that there is one perfect place for such shopping: Kanda Ogawamachi. There, on both sides of the street, you will find sport stores selling everything, from bicycle and running to snowboard and ski gear, discounted or not. Since I knew my ski gear would spend most of the time in the closet, I looked out for discounts here and there. After a couple of stores, I found the outfit I liked, you can see it in the cover picture, what do you think? After our last-minute shopping, we went home to finish preparing our backpacks, have dinner, and a good night sleep.

On the slopes of Nozawa Onsen
We took the very first Shinkansen on Sunday morning. I couldn’t eat my usual bento during the trip because all the stores were still closed, so everybody rushed into a ‘NewDays’ konbini. After the train and one-hour bus ride, we arrived in Nozawa Onsen where we immediately headed to the slopes. Our rental ski set (boots, skis, and sticks) was waiting for us at the store. Ready to go, we bought a 2-days ski pass and jumped on our first cable car. Nozawa is an interesting place, there are many slopes you can go to, and the map is quite easy to understand. Almost every cable car stop has its restaurant and bar. The view from any corner is always breathtaking, with the little village below, the white mountains in the background, and the dark trees stretching their branches to the sky. In the centre of one of the slopes there is also a small Shrine with its wooden Torii. We spent the first day exploring and going on the “green” and “red” slopes, which to me seemed really easy in comparison to the ones in the South of Switzerland or Northern Italy I used to go to. There are also some “black” slopes, which seem to be all made with bumps, at least in Nozawa. Everything is well delimited with big signs and sometimes also with gates saying, “only for experts”, so you cannot make mistakes. If our first day was the easy one, the second day we decided to go only on the “red”, some “black”, and also slopes outside the delimited path, where they say it is your responsibility if something happens. There, we enjoyed some interesting half-pipes and jumps. We had the chance to enjoy two full sunny days: In the early morning the snow is amazing, in some areas a bit icy, while in the afternoon it becomes very soft. When the sun starts turning red and low it is almost time to go home. The ski lifts and cable cars close from 3:30pm to 4:30pm depending on the area, so pay attention where you have to finish your day. For example, we needed to reach our ski store by 5pm. At the end of the day, you will feel very tired but hopefully satisfied, deserving a bath in the local onsen.

Inside the hot waters of Nozawa Onsen
Nozawa Onsen is called like this because it is full of hot springs! There are 13 public baths scattered all over the village where you can try onsen for free! They are very cute wooden houses, easy to spot, or facilities located inside other buildings. Some people were going around Nozawa Onsen in Yukata in the evening, probably making a tour of the baths. Since these baths are very ancient and traditional, without showers but only baskets, we first tried a tiny one near our hotel and then moved to “Furusato no Yu”, which has internal and external baths. For this facility, you have to pay 500 yen, but it is equipped with showers and shampoo. Another place worth visiting is “Nozawa Onsen Spa Arena”, this one costs 700 yen and it is mixed! Jack and I could enjoy outdoor onsen together on our second day, upon renting a swimsuit for a small additional fee. To clean yourself there is also a separate normal bath with showers. This is definitely the best way to relax after a day on the slopes!

Food and sightseeing in Nozawa Onsen
Nozawa Onsen is a small village, but has a lot to offer! Since it is used to welcoming foreign visitors, it has a more ‘international vibe’ compared to other small Japanese towns I have been to. There are places with almost any cuisine, like kebab, Italian pizza, and hamburgers. The heart of the village is the Main Street, with shops and bars. There, I suggest you trying the local Oyaku buns for 200 yen each, delicious! For our dinners we chose a traditional Japanese restaurant called ‘Minato’, very beautiful inside and with tasty food; while for the second dinner we opted for ‘Genki Burger’, and I must admit it was one of the best burgers of my life! Nozawa has also a very big konbini, where you can find some additional food and drinks. It is a pleasure walking through Nozawa Onsen’s streets, both during the day and night, let yourself be surprised by the wooden architectures! There is also a Shrine that we had the pleasure to see on our last morning, just before going to Matsumoto. It was snowing heavily and we had the chance to take beautiful pictures.

The beauty of Matsumoto castle
After visiting a bit Nozawa Onsen during the morning of our last day, we took the bus and the train to Matsumoto. We had a brief stop in Nagano, where we could have a look around the station and buy a snack for lunch. We reached Matsumoto in the early afternoon. It is a cute Japanese city surrounded by green mountains, with a couple of national treasures like the famous castle, and the former Kaichi school, which we saw only from outside. About the castle, it is one of the most complete and beautiful original Japanese castles. For this reason, it reminded me a bit of Himeji castle, but in a smaller version. Also the colors are different: if Himeji castle is white, Matsumoto castle is black! My favorite colour. It is surrounded by a beautiful garden, and once you enter (without shoes) it is like going back in time. There is an interesting weapons museum inside, together with explanations about the history of the castle at each floor. Finally, Matsumoto and Okayama castles are the only ones having the “Moon-viewing Wing”, a vermillion terrace on the second floor from which you have a beautiful view over the city and the sky. After the visit at the castle, we went to the Matsumoto City Museum, where we learnt about the history of the city and its interesting festivals and customs. Then we went to the former Kaichi school quoted above, had a tour of a couple of Shrines, and passed through Nawate and Nakamachi streets. Finally, on our way back, we found a restaurant near the station where we had dinner with delicious Japanese-style skewers. Tired and with a full belly, we took the Shinkansen to go back to Tokyo.

That was all for this short trip! I hope you enjoyed. From today I will start posting pictures about it on my social media. Stay tuned!

Thank you,

Elly

Discover more about my Japanese experience: Inside Japan | Inside Japan – The Exhibition | Inside Japan – Living Tokyo! | Inside Japan – Virtual Tours!

IT

Ciao a tutti! Come state? Sul mio Instagram avevo promesso che dopo il nostro piccolo “tour di Kyoto” avremmo iniziato un nuovo viaggio insieme, ed eccoci qui! Prenderemo lo Shinkansen da Tokyo e saliremo, verso la prefettura di Nagano, per vedere della bellissima neve e un castello! Siete pronti?

Preparazione del viaggio dalla Tokyo Station a Kanda Ogawamachi
Il breve viaggio è stato di tre giorni in totale, da domenica a martedì, approfittando del compleanno dell’Imperatore il 23 febbraio, che è una festa nazionale. Abbiamo avuto sabato per pulire la casa e preparare tutto per il viaggio. Per prima cosa: il biglietto dello Shinkansen! Abbiamo acquistato un pass di tre giorni per la regione di Nagano alla stazione di Tokyo, quindi abbiamo proceduto all’acquisto della mia attrezzatura invernale. Avevo già la mia vecchia maschera (che è ufficialmente morta in questo viaggio), il mio cappello e guanti da sci, ma dovevo comprare una maglietta termica, pantaloni e giacca da sci. Dove andare? Chi vive a Tokyo sa che esiste un posto perfetto per questo tipo di shopping: Kanda Ogawamachi. Lì, su entrambi i lati della strada, troverete negozi di articoli sportivi che vendono di tutto, dalla bicicletta e running allo snowboard e all’attrezzatura da sci, scontati o meno. Dato che sapevo che la mia attrezzatura da sci avrebbe trascorso la maggior parte del tempo nell’armadio, ho cercato sconti qua e là. Dopo un paio di negozi, ho trovato l’outfit che mi piaceva, potete vederlo nella copertina, cosa ne pensate? Dopo i nostri acquisti dell’ultimo minuto, siamo tornati a casa per finire di preparare gli zaini, cenare e dormire bene.

Sulle piste di Nozawa Onsen
Domenica mattina abbiamo preso il primo Shinkansen. Non ho potuto mangiare la mia solita bento durante il viaggio perché tutti i negozi erano ancora chiusi, quindi tutti si sono precipitati in un konbini ‘NewDays’. Dopo il treno e un’ora di autobus, siamo arrivati a Nozawa Onsen dove ci siamo subito diretti alle piste. Il nostro set da sci a noleggio (scarponi, sci e bastoncini) ci aspettava al negozio. Pronti a partire, abbiamo acquistato uno skipass di 2 giorni e siamo saliti sulla nostra prima funivia. Nozawa è un posto interessante, ci sono molte piste dove si può andare e la mappa è abbastanza facile da capire. Quasi ogni fermata della funivia ha il suo ristorante e bar. La vista da ogni angolo è sempre mozzafiato, con il paesino sottostante, le montagne bianche sullo sfondo e gli alberi scuri che allungano i loro rami verso il cielo. Al centro di una delle piste c’è anche un piccolo Santuario con il suo Torii in legno. Abbiamo passato la prima giornata esplorando e andando sulle piste “verdi” e “rosse”, che mi sono sembrate davvero facili rispetto a quelle nel Sud della Svizzera o nel Nord Italia dove ero solita andare. Ci sono anche alcune piste “nere”, che sembrano tutte fatte a dossi, almeno a Nozawa. Tutto è ben delimitato da grandi cartelli e talvolta anche da cancelli con scritto “solo per esperti”, quindi non ci si può sbagliare. Se il nostro primo giorno è stato quello facile, il secondo giorno abbiamo deciso di andare solo sulle “rosse”, alcune “nere”, e anche su piste fuori dal sentiero delimitato, dove dicono che è vostra responsabilità se succede qualcosa. Lì, ci siamo divertiti con alcuni half-pipe e salti interessanti. Abbiamo avuto la possibilità di goderci due giornate piene di sole: al mattino presto la neve è strepitosa, in alcune zone un po’ ghiacciata, mentre nel pomeriggio diventa molto morbida. Quando il sole inizia a diventare rosso e basso è quasi ora di tornare a casa. Gli impianti di risalita e le funivie chiudono dalle 15:30 alle 16:30 a seconda della zona, quindi fate attenzione a dove dovete concludere la giornata. Ad esempio, noi dovevamo raggiungere il nostro deposito sci entro le 17:00. Alla fine della giornata vi sentirete molto stanchi ma speriamo soddisfatti, meritandovi un bagno nelle onsen locali.

Nelle calde acque di Nozawa Onsen
Nozawa Onsen si chiama così perché è piena di sorgenti termali! Ci sono 13 bagni pubblici sparsi in tutto il villaggio dove potete provare l’onsen gratuitamente. Sono case in legno molto carine, facili da individuare o strutture situate all’interno di altri edifici. Alcune persone stavano girando per Nozawa in Yukata la sera, probabilmente facendo un tour dei bagni. Essendo queste terme molto antiche e tradizionali, senza docce ma solo cestini, ne abbiamo provata prima una minuscola vicino al nostro hotel e poi ci siamo spostati al “Furusato no Yu”, che dispone di bagni interni ed esterni. Per questa struttura bisogna pagare 500 yen, ma è dotata di docce e shampoo. Un altro posto che vale la pena visitare è “Nozawa Onsen Spa Arena”, questo costa 700 yen ed è misto! Jack e io ci siamo potuti godere insieme un onsen all’aperto il nostro secondo giorno, noleggiando un costume da bagno per un piccolo supplemento. Per lavarsi c’è anche un normale bagno separato con docce. Questo è sicuramente il modo migliore per rilassarsi dopo una giornata sulle piste!

Cibo e visite turistiche a Nozawa Onsen
Nozawa Onsen è un piccolo villaggio, ma ha molto da offrire! Poiché è abituato ad accogliere i visitatori stranieri, ha un’atmosfera più “internazionale” rispetto ad altre piccole città giapponesi in cui sono stata. Ci sono posti con quasi tutte le cucine, come kebab, pizza italiana e hamburger. Il cuore del paese è la Main Street, con negozi e bar. Lì, vi suggerisco di provare i panini Oyaku locali per 200 yen ciascuno, deliziosi! Per le nostre cene abbiamo scelto un ristorante tradizionale giapponese chiamato ‘Minato’, molto bello internamente e con cibo gustoso; mentre per la seconda cena abbiamo optato per ‘Genki Burger’, e devo ammettere che è stato uno dei migliori hamburger della mia vita! Nozawa ha anche un konbini molto grande, dove potete trovare altro cibo e bevande. È un piacere passeggiare per le strade di Nozawa Onsen, sia di giorno che di notte, lasciatevi sorprendere dalle architetture in legno! C’è anche un Santuario che abbiamo avuto il piacere di vedere l’ultima mattina, appena prima di andare a Matsumoto. Nevicava molto e abbiamo avuto la possibilità di fare bellissime foto.

La bellezza del castello di Matsumoto
Dopo aver visitato un po’ Nozawa Onsen durante la mattina del nostro ultimo giorno, abbiamo preso l’autobus e il treno per Matsumoto. Abbiamo fatto una breve sosta a Nagano, dove abbiamo potuto dare un’occhiata alla stazione e comprare uno spuntino per il pranzo. Abbiamo raggiunto Matsumoto nel primo pomeriggio. È una graziosa città giapponese circondata da montagne verdi, con un paio di tesori nazionali come il famoso castello e l’ex scuola Kaichi, che abbiamo visto solo dall’esterno. Per quanto riguarda il castello, è uno dei castelli giapponesi originali più completi e belli. Per questo motivo, mi ha ricordato un po’ il castello di Himeji, ma in una versione più piccola. Anche i colori sono diversi: se il castello di Himeji è bianco, il castello di Matsumoto è nero! Il mio colore preferito. È circondato da un bellissimo giardino, e una volta entrati (senza scarpe) è come tornare indietro nel tempo. All’interno c’è un interessante museo delle armi, insieme a spiegazioni sulla storia del castello ad ogni piano. Infine, Matsumoto e Okayama sono gli unici castelli ad avere l’”Ala di osservazione della luna”, una terrazza color vermiglio al secondo piano da cui si ha una bellissima vista sulla città e sul cielo. Dopo la visita al castello, siamo andati al Museo della città di Matsumoto, dove abbiamo appreso la storia della città e le sue interessanti feste e usanze. Poi siamo andati all’ex scuola Kaichi citata sopra, abbiamo fatto un tour di un paio di Santuari, per poi atrraversare le strade di Nawate e Nakamachi. Infine, sulla via del ritorno, abbiamo trovato un ristorante vicino alla stazione dove abbiamo cenato con deliziosi spiedini in stile giapponese. Stanchi e con la pancia piena, abbiamo preso lo Shinkansen per tornare a Tokyo.

Era tutto per questo breve viaggio! Spero che vi sia piaciuto. Da oggi inizierò a postare foto a riguardo sui miei social media. Tenete gli occhi aperti!

Grazie,

Elly

Scoprite di più sulla mia esperienza giapponese: Inside Japan | Inside Japan – The Exhibition | Inside Japan – Living Tokyo! | Inside Japan – Virtual Tours! 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s